Biblioteca Ambrosiana

Fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo, la Biblioteca Ambrosiana di Milano viene aperta al pubblico per la consultazione nel 1609. Concepita come centro di studio e cultura, in seguito viene affiancata dal Collegio dei Dottori, l’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca. Al suo interno conserva un largo numero di codici greci, latini, volgari e nelle diverse lingue orientali che, insieme alle collezioni derivanti da istituzioni religiose e collezioni private, ne fanno una delle prime bliblioteche italiane nel mondo. Fra le collezioni più importanti si ricordano il fondo arabo ed orientale; la biblioteca glottologica-dialettale, la raccolta araldica, numerosi palinsesti, manoscritti miniati, autografi, incunamboli, legature di pregio, incisioni e stampe.

1opere

Ordina per:

© 2017 Kollectium. Socio unico Promemoria Srl – Via G. Pomba 1, 10123 Torino – P.I 10540810016